Messaggi "fake", in e-mail, per carte di credito

Truffa via mail: carta Postepay disabilitata

Messaggi e-mail, truffa, per presunte carte di credito disabilitate

“Gentile Cliente di Poste Italiane, siamo spiacenti ad annunciarla che la sua carta Postepay è stata disabilita temporaneamente per la mancata verifica dei suoi dati sul sito della Poste che gli avevamo richiesto di effettuare diverse volte in precedenza tramite le comunicazioni via email e sms". E’ il contenuto del messaggio “tipo”, ennesimo tentativo di truffa, proveniente da indirizzo mail sconosciuto, visibile nella posta in arrivo, ma, ovviamente non collegato a Poste Italiane. Trattasi di comunicazioni scritte in maniera stentata, con errori sintattici e grammaticali piuttosto evidenti, che però non fermano le azioni di raggiro ai danni di ignari cittadini. Un fenomeno che ha superato le soglie dello spam e di difficile contrasto.

"Lei non sarà più in grado di effettuare alcun tipo di pagamento, ricariche, prelievi o altre tipo di operazioni se i suoi dati non vengono aggiornati immediatamente - si legge nelle mail ricevute anche da utenti privi di Postepay con le “presunte istruzioni” utili alla riabilizazione del servizio Postepay medesimo - si prega di cliccare sul link in descrizione e dopo aver compilato i dati mancanti nella fase di verifica, si deve effettuare anche la verifica obbligatoria tramite SMS. Una volta terminato il processo di verifica, la sua carta verrà riabilitata automaticamente entro 24 ore". Al termine della comunicazione, il tutto e’ accompagnato da un saluto beffardo: "Cordiali saluti da parte di Team Assistenza e Sicurezza Poste Italiane".

Un fenomeno diffuso al quale prestare attenzione prima di accedere, ingenuamente, al “link consigliato” ad alto rischio e non corrispondente (non solo nei casi “denominati” Poste Italiane, ma anche a nome di altre realta’ finanziarie) agli Istituti d’emissione menzionati a mittente.

L.RUBEN BELLUCCA

Categoria: